Il Papa, le guerre mondiali e il gender di Dio.



 
Preferisco attenermi alle fonti che credere ai giornalisti o ai social influencer. 

Ecco il discorso di Papa Francesco al clero in Georgia (clicca qui).

Parlava di famiglia, di come costruire la pace in famiglia, poi ha fatto una divagazione. Quella "postilla" è stata fatta diventare l'argomento del suo intervento.

E così cari sposi, che volete difendere la famiglia, vi perdete il cuore di quel messaggio. Appagate la vostra sete di giustizia dicendo: "Aaaaaah! Finalmente il Papa ha parlato chiaro contro il gendeeeer!" (come se non l'avesse mai fatto), e perdete un'occasione importante di fare giustizia dentro la vostra casa, contro i nemici che si annidano tra le lenzuola, i piatti e le mensole di casa vostra.

Perché il Papa in quel messaggio voleva insegnarvi a chiedervi "Perdono!" ad essere RICONOSCENTI, e rispettosi. Vi ha insegnato (e le ha insegnate anche a me, anche se sono single) tre parole magiche: "Scusa!" "Posso?" e "Grazie!".

Vi dirò una cosa un po' violenta e cercherò di farlo in modo politicamente corretto: i miei problemi d'identità non sono stati causati dalla "teoria gender", ma dai litigi dei miei genitori, dal loro "non amore".

Comprendete ora qual è il vero nemico della famiglia?!

Purtroppo mi immagino la scena della vostra domenica a pranzo:

MOGLIE: "Finalmente il Papa ha parlato chiaro! Ha detto che la teoria del gender è una guerra mondiale contro la famiglia!"

MARITO: "Meno male! Non se ne può più di tutti sti ghei!"

MOGLIE: "Ti è piaciuta la pasta che ti ho preparato?"

MARITO: "Mmmm..."

(sparecchiando la moglie rovescia la tazzina con il caffè del marito)

MARITO: "Stai attenta no?! Fai sempre disastri!"

MOGLIE: "Ma stai zitto! Invece di non fare mai niente, potevi sparecchiare tu!"

MARITO: "Lavoro tutta la settimana e non ho neanche il diritto di bere un cazzo di caffè in santa pace! Vado a guardare la partita va!"

MOGLIE: "Quale partita? Guarda che c'è L'Arena di Giletti! Oggi parleranno sicuramente del gender!"

MARITO: "Non mi interessa! C'è la partita! L'Arena te la guardi in camera tua se vuoi... Ah per domani mi serve la camicia..."
MOGLIE: "Ma non potevi dirmelo prima? Mi hai scambiato per la tua serva?!"

Però il Papa ha parlato del gender... Ditemi che non è così!

Con questo non voglio togliere valore alle parole del Papa. Non sto sminuendo la gravità della "guerra mondiale" contro la famiglia di cui parla il Papa. Sto dicendo: cari sposi fate attenzione, perché il Papa ha detto qualcosa di molto più importante per la vostra vita di coppia! Non lasciatevi fuorviare da giornalisti e opinionisti che vogliono solo tirare "like" al proprio mulino.

Vogliate perdonarmi, certamente sbaglio, ma quando scrivo mi baso molto sulle reazioni alle notizie che leggo su Facebook.

Un'altra reazione che mi disturba è quella di tanti amici omosessuali, i quali hanno reagito alla notizia manipolata, sentendosi attaccati personalmente. Quasi che la "teoria del gender" corrisponda alla loro omosessualità. Come se il Papa rifiutando il gender, rifiutasse anche loro.

Non facciamo di ogni erba un fascio, e non lo dico solo agli omosessuali. Il Papa, nonostante quello che si dice, parla molto chiaramente e chiaramente ha detto che non giudica le persone, ma giudica i sistemi di potere e le ideologie che ne derivano.

Lo sapete no?! Anch'io sono omosessuale... (Eh sì e mah... non devo definirmi omosessuale, devo dire che ho una pulsione, una tendenza... Uffffffaaaaaa!). Mi piacciono gli uomini ok?! Allora ricominciamo...

A me piacciono gli uomini, ma sono contro la teoria del gender, non perché non credo che l'identità sia qualcosa di fluido: sono convinto che ognuno di noi, lavorando su di sè, possa costruire la sua identità come più gli aggrada. Sono contro la teoria del gender, perché sono convinto che la mia vita è un dono, che non è mia! Non sono un mobile dell'Ikea, non posso assemblarmi come più mi piace.

Il mio gender è Dio!

E' Lui che mi dice come costruire la mia vita. Lui ha il libretto delle istruzioni della mia identità. Lui mi dice chi sono e nessun altro. Mi fido solo di Lui.

Non ho nessun potere sulla mia vita. Nemmeno tu ce l'hai. Non puoi aggiungere un secondo in più alla tua vita e nulla di quello che hai è tuo. Ti può essere tolto in qualsiasi istante. Questa è la verità. Cosa ti spinge a pensare che puoi decidere tu chi sei quando sei così impotente?

Nel gender di Dio l'unica cosa fluida che c'è è il Suo Amore, che come un fiume si riversa sulla tua vita.

Nel gender di Dio tu sei amato per quello che sei. Anche se non sei perfetto, anche se di te stesso odi qualsiasi cosa, Dio invece ama tutto. Lui ti ha voluto ben prima che tu nascessi e ha messo in conto tutto: i tuoi pregi, i difetti, gli errori, il coraggio, le vittorie e le sconfitte.

Nel gender di Dio: la vita non è tua. E' un dono da ricevere e da donare costantemente. C'è un progetto sulla tua vita. Non sei qui per te stesso! Dio ti ha creato magnifico, non solo perché ama te, ma anche perché ama il mondo intero e ti vuole regalare come il suo fiore più bello. 

Sapete?! Non è facile per me dire questo, non parlo dal pulpito di chi ha già capito tutto, ma non si vuole sporcare le mani. Parlo dal deserto di chi sta scommettendo tutto sul "progetto di Dio" e anche se ancora non vedo la Terra Promessa, anche se a volte mi scoraggio e recalcitro, oggi, spinto proprio dalle parole del Papa, mi sento di dirti questo: non sei chiamato ad essere un pagliaccio di te stesso, sei chiamato ad essere simile a Dio.

Lo faccio mentre sento gridare un uomo dalla finestra accanto: "Sei una zoccola" e lo grida in continuazione. Chissà a chi lo grida? Forse alla figlia, forse alla moglie, alla fidanzata... Non lo so. 

La nostra vita quotidiana non è un'indignazione borghese contro un'ideologia. E' un combattimento quotidiano contro cose concretissime e penso che Papa Francesco nella sua umanità ci abbia dato dei consigli pratici importantissimi, non teorie.

Buona domenica a tutti, e cercate di volervi bene! Sarà il primo vero attacco contro ogni ideologia e lasciate perdere i giornalisti e gli opinionisti... Lasciate stare pure quello che scrivo io... E leggetevi quello che ha detto il Papa!

Non perdiamo questa occasione!



Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Ecco perché ringrazio Joseph Nicolosi

Sono destinato a non amare?